Canicattì, Corbo non ci sta: “Stipendi pagati regolarmente”

Canicattì, Corbo non ci sta: “Stipendi pagati regolarmente”

0
SHARE
Il sindaco di Canicattì, Vincenzo Corbo

In merito ad alcune notizie apparse su alcuni organi di informazione, che volevano un ritardo nel pagamento degli stipendi e della tredicesima mensilitò, da parte del Comune di Canicattì, ai suoi dipendenti, interviene con durezza il sindaco della città dell’Uva Italia, Vincenzo Corbo.

“ Appare veramente strano – ha dichiarato il sindaco Vincenzo Corbo – come possano i dipendenti comunali accusarci per non aver erogato loro lo stipendio di dicembre. Ogni mese gli emolumenti vengono versati il 27 e uscire fuori con la notizia della mancata corresponsione dello stipendio il 22 dicembre rappresenta una cosa senza senso e sulla quale abbiamo deciso di andare fino in fondo per capire veramente come siano andati i fatti e chi abbia divulgato questa notizia infondata. Anche questo mese lo stipendio verrà erogato il 27 ma essendo domenica verrà trovato dai dipendenti comunali nei rispettivi conti il 28. Niente di strano quindi rispetto a quanto avviene, da sempre, ogni mese. Ma c’è di più. Infatti nei giorni precedenti al Natale gli stessi dipendenti comunali hanno avuto versata la tredicesima e quindi hanno avuto la possibilità di trascorrere economicamente in tranquillità le feste natalizie ”. Smentita seccamente anche la notizia secondo la quale alla mancata erogazione degli stipendi ai dipendenti avrebbe corrisposto invece la liquidazione dell’indennità di carica a favore degli amministratori comunali. “ Anche questa notizia è assolutamente falsa e perseguiremo nelle opportune sedi quanti hanno fornito una ricostruzione dei fatti falsa  – ha concluso il sindaco -. L’indennità di carica agli amministratori viene liquidata insieme alla mensilità dei dipendenti comunali e quindi anche i rappresentanti della Giunta, me compreso, riceveranno i soldi nella giornata di lunedì. L’amministrazione comunale di Canicattì non ha lasciato senza soldi i dipendenti comunali”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY