Catania

Polizia sventa rapina: sparatoria con bandito ferito e 5 arresti

Un bandito è rimasto ferito dopo un tentativo di rapina sventato dalla polizia di Stato a Giarre, durante la quale c’è stata una sparatoria.
L’uomo è ricoverato, in condizioni non gravi, nell’ospedale Cannizzaro di Catania. Secondo quanto si è appreso, agenti della Squadra mobile sarebbero intervenuti durante un assalto al negozio di un cinese. Ne sarebbe scaturito un inseguimento e la sparatoria.
Cinque in tutto gli arrestati, quattro catanesi e un senegalese: sono Salvatore Bonaccorsi, 28 anni, nipote del capo della cosca dei “Carrateddi”, Salvatore Calvagna, 34 anni, Salvatore Giuffrida, 33, Giovanni Trovato, 28, e Moustapha Diop Serigne, 49 anni, in possesso di regolare permesso di soggiorno, ritenuto il “basista” del commando. Sono ancora in corso le indagini della squadra mobile per identificare gli altri cinque complici riusciti a fuggire. Uno degli arrestati, Giuffrida, è ricoverato nell’ospedale Cannizzaro di Catania, con una prognosi di 20 giorni, perché colpito da schegge alla caviglia destra dopo che un poliziotto ha esploso, cadendo, accidentalmente un colpo di pistola. L’operazione era nata da un servizio della sezione Antirapine della squadra mobile di Catania che aveva appreso di un assalto a cinesi a Giarre. Sono stati avviati dei posti di osservazione fino a quando, nel centro della città, dieci banditi, col volto coperto da passamontagna e armati di pistola, hanno aggredito tre cinesi, che hanno reagito e sono stati picchiati, per rubargli il trolley. I commercianti orientali pagano in contanti le loro transazioni e sono abituati a girare con grosse somme di denaro in contanti. I tre, secondo la polizia, erano “controllati” dai banditi probabilmente grazie alla collaborazione del somalo e a un impianto Gps che era stato installato a loro insaputa nell’auto utilizzata dai tre cinesi.
Per bloccare la rapina e l’aggressione i primi due poliziotti hanno esploso un colpo di pistola in aria a scopo intimidatorio: cinque banditi sono fuggiti a piedi e sono stati arrestati, altri cinque sono scappati a bordo di due automobili con targhe rubate. I tre cinesi sono stati portati in ospedale per i traumi da percosse subiti e giudicati guaribili in 10 giorni. Sul posto sono intervenute anche ambulanze e pattuglie dei carabinieri della compagnia di Giarre.
La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta.
mi-piace

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top