Agrigento, stadio Esseneto gestito dall’Akragas, soddisfazione di Spataro

Redazione

Agrigento

Agrigento, stadio Esseneto gestito dall’Akragas, soddisfazione di Spataro

di Redazione
Pubblicato il Feb 12, 2016

“La gestione dello stadio Esseneto affidata ufficialmente, per un periodo di 8 anni e mezzo, alla società dell’Akragas. Impegno rispettato, grazie alla proficua attività di indirizzo e di intermediazione svolta dalla Commissione allo Sport”. Pasquale Spataro, Presidente dell’organismo consiliare, esprime soddisfazione per l’approvazione da parte della giunta Firetto della convenzione con la quale vengono assegnati al club biancazzurro l’onore e l’onere di mantenere in ordine e in efficienza la struttura. “Adesso per rendere esecutivo tale strumento – aggiunge Spataro – serve un passaggio in Consiglio comunale, chiamato a ratificare il provvedimento prodotto dall’amministrazione attiva. Sempre al sodalizio dell’Akragas è stato concesso in gestione il campetto di Giardina Gallotti. In cambio, come è noto, la società si accollerà in toto i costi per la realizzazione dell’impianto di illuminazione dello stadio Esseneto, per la quale il Comune di Agrigento si limerà a fare da garante del progetto, ponendo in essere la disponibilità della fidejussione. Finalmente, su questa vicenda, stanno per scorrere i titoli di coda – evidenzia Spataro – un risultato importante ottenuto con determinazione sulla base di un impegno profuso costantemente dal sottoscritto e dall’intera V Commissione, il cui lavoro di pungolo, di stimolo e di monitoraggio ha dato i suoi buoni frutti. Un’attività sempre attenta, sin dalle prime battute. Già in pieno agosto – conclude Spataro – il nostro contributo si rivelò utile ed efficace per dare una sensibile accelerata ai lavori dello stadio, in vista dell’inizio del campionato. Insomma quando le Istituzioni fanno il loro dovere, si spendono e si adoperano con passione e in modo disinteressato, il bene comune

trionfa sempre”.


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361