Inchiesta Girgenti acque: le precisazioni dell’avv. Fiorello

Redazione

Agrigento

Inchiesta Girgenti acque: le precisazioni dell’avv. Fiorello

di Redazione
Pubblicato il Feb 16, 2016
Inchiesta Girgenti acque: le precisazioni dell’avv. Fiorello

L’avv. Lillo Fiorello, nell’interesse della società Girgenti Acque S.p.A., in relazione agli articoli recentemente apparsi su LiveSicilia, Giornale di Sicilia, La Sicilia, Repubblica e su altre testate giornalistiche e on line, aventi ad oggetto “Mafia, assunzioni, bollette e politici”, precisa che nella compagine societaria a partire dalla costituzione della società, ormai dieci anni orsono, nessuno dei soci è stato destinatario di rilievi da parte della Autorità giudiziaria.

Tutti gli avvicendamenti societari – ininterrottamente monitorati dagli inquirenti – non hanno registrato cointeressenze con soggetti estranei alla compagine societaria per come acclarato con sentenze divenute irrevocabili. Quanto riportato nell’articolo in ordine a tali cointeressenze – riferite peraltro ad un imprenditore deceduto e non interessato all’assetto societario – con ogni probabilità riprende una voce, già considerata inattendibile per gli stessi fatti richiamati nell’articolo.

Unica voce, davvero risalente nel tempo, sulla quale si è ampiamente esplorato e sviscerato in ogni direzione, pervenendosi ad una oggettiva smentita.

Quanto al reclutamento del personale, Girgenti Acque S.p.A. opera in assoluta trasparenza, provvedendo alle assunzioni con modalità predefinite, senza accedere a “scambi”, che del resto, a tenore dell’articolo, avrebbero dovuto consumarsi con esponenti appartenenti a tutti i partiti politici. Con riguardo, infine, ad un presunto sequestro di contatori di acqua , asseritamente avvenuto presso il porto di Palermo, si segnala che la notizia è destituita di fondamento: nessun sequestro di contatori è mai stato eseguito in pregiudizio di Girgenti Acque S.p.A.. Sorprende, pertanto, il riferimento a fatti nella realtà mai accaduti.

 


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361