Catania

Mafia, “Il re è tornato”: striscione di benvenuto ad affiliato clan Carateddri, interviene la Polizia

La Polizia di Stato di Catania ancora una volta è intervenuto in maniera decisa su un altro episodio di “comunicazione” in contesti di criminalità locale.

IMG-20160304-WA0006Stamattina uno striscione esposto alla  Via San Damiano di Catania, zona centro storico recitava :“Il re è tornato. Papà sei il nostro orgoglio”. Il protagonista è Spampinato Roberto classe 1971, ritenuto affiliato al clan Carateddi, arrestato  per droga a settembre del 2011 in quanto trovato in possesso di 20 kg di stupefacente, dalla locale Squadra Mobile di Catania ed ora agli arresti domiciliari. Immediatamente  il Questore di Catania Marcello Cardona ha disposto la rimozione dello striscione in quanto il messaggio è  una evidente e chiara manifestazione di compiacenza  verso la cultura mafiosa e di assoggettamento ambientale.

Quanto accaduto richiama i provvedimenti emessi dal Questore di Catania nei mesi scorsi quando fu rinvenuto un manifesto che richiamando i festeggiamenti per la nascita di un bambino che utilizzava terminologie inequivocabilmente ricollegate ai contesti della criminalità organizzata; nonché più recentemente i provvedimenti emessi in occasione della Festività di santa Barbara a Paternò nei confronti di coloro che avevano “omaggiato” un boss locale con la cosiddetta “annacata” dinnanzi alla casa. Dell’episodio è stato redatto dettagliato rapporto all’Autorità Giudiziaria nonché al magistrato di sorveglianza.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Most Popular

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top