Mafia, Agenzia beni confiscati: “Clan investono nell’arte”

Redazione

Mafia

Mafia, Agenzia beni confiscati: “Clan investono nell’arte”

di Redazione
Pubblicato il Ott 4, 2016

“I malavitosi sono menti raffinate, che si informano su come investire i proventi dei loro traffici criminali. E l’arte in questo senso rappresenta un settore molto appetibile, che ha dato ottimi frutti”.

Lo ha detto a Voci del Mattino, Radio1 Rai, il prefetto Umberto Postiglione, direttore dell‘Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalita’.

Sono molte le opere d’arte sequestrate alla malavita. In alcuni casi si tratta di opere di grande valore, che devono far parte del patrimonio artistico nazionale, e le destiniamo al Ministero dei beni culturali che poi provvede a indirizzarle al circuito museale. Se invece sono quadri di non eccelso valore, si possono destinare alla vendita. Infine, se sono falsi dobbiamo necessariamente distruggerli. La maggior parte, comunque, sono opere autentiche. Ne e’ un esempio la confisca effettuata nei confronti del cosiddetto re dei videogiochi, Gioacchino Campolo. A Reggio Calabria aveva accumulato 104 opere, valutate complessivamente oltre 3 milioni di euro”.

“Opere – ha spiegato il direttore dell’Agenzia – che abbiamo lasciato sul territorio, creando una sorta di percorso museale, al quale si potranno aggiungere altri beni confiscati allo stesso Campolo, come statue del valore di 150 mila euro e altri dipinti dei quali ancora non conosciamo l’esatto valore”.


Dal Web


  • Mafia

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Mafia

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Mafia

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Mafia

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361