Agrigento, si appropria dei mobili della cognata: condannato canicattinese

Agrigento, si appropria dei mobili della cognata: condannato canicattinese

0
SHARE
Il Tribunale di Agrigento

Si era appropriato indebitamente dei mobili che la cognata gli aveva affidato temporaneamente, ma lui ha pensato bene di non restituirli quando la proprietaria glieli ha chiesti indietro. Ma la donna lo ha denunciato e adesso ha ottenuto giustizia. Protagonista della vicenda, Giuseppe Alletto, 48 anni di Canicattì, condannato dal Giudice del Tribunale di Agrigento, Vincenzo Ricotta, alla pena di sei mesi di reclusione e 450 euro di multa, oltre al pagamento delle spese processuali. L’uomo era difeso dall’avvocato Danika La Loggia. L’imputato è stato inoltre condannato al risarcimento del danno in favore della parte civile da liquidarsi in separato giudizio ma il giudice ha disposto il pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva di 4.450 euro oltre alle spese di costituzione e rappresentanza, liquidate complessivamente nella misura pari a 1.710 euro oltre spese generali nella misura del 15%.
I FATTI
Il 25 settembre del 2013, la cognata dell’imputato aveva affidato a Giuseppe Alletto, marito della sorella, i mobili coniugali in attesa di trovare un appartamento in affitto. Ma al momento della richiesta di restituzione, l’uomo aveva posto un netto rifiuto, adducendo alcune motivazioni che il giudice ha ritenuto pretesti inutili ma che hanno contribuito alla commissione del reato di appropriazione indebita.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *