Calcioscommesse in Lega Pro e Serie D, è un terremoto che scuote...

Calcioscommesse in Lega Pro e Serie D, è un terremoto che scuote tutta l’Italia

191 views
0
SHARE

E’ quasi un terremoto quello che sta scuotendo il mondo del calcio. Non vi è distinzione di latitudine. Le società toccate dalla vicenda spaziano da nord a sud. Lo dimostrano gli arresti e tra questi quelli dell’ex direttore generale del Monza Calcio, Mauro Ulizio (oggi dirigente Pro Patria) e l’attuale direttore sportivo Gianni Califano, finiti in manette questa mattina a Monza nell’ambito della maxi operazione ‘Dirty Soccer’, coordinata dalla Direzione distrettuale Antimafia di Catanzaro. I loro nomi sono inclusi nell’indagine sul calcioscommesse insieme a quelli di altri dirigenti sportivi e calciatori di una trentina di squadre di Serie D e Lega Pro, accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva. La Polizia di Stato sta eseguendo arresti e perquisizioni in Calabria, Campania, Puglia, Emilia Romagna, Abruzzo, Marche, Toscana, Liguria, Veneto, Lombardia. Le indagini della Squadra Mobile di Catanzaro avrebbero accertato decine di combine di partite di calcio dei campionati in corso di Lega Pro e Lega D. L’inchiesta della Procura Antimafia di Catanzaro ha scoperto una rete di associati, fra calciatori, allenatori, presidenti e dirigenti sportivi, che coinvolgerebbe oltre 30 squadre. Il fermo di oltre 1000 pagine, delinea una rete di personaggi, appartenenti a due distinte organizzazioni criminali, rispettivamente attive nella combine di incontri dei campionati di Lega Pro e Lega Nazionale Dilettanti, capaci di alterare risultati e investire danaro nel connesso “giro di scommesse” in Italia e all’estero. Investigatori della Squadra Mobile di Catanzaro e del Servizio Centrale Operativo stanno operando, oltre che a Catanzaro, anche a Cosenza, Reggio Calabria, Bari, Napoli, Milano, Salerno, Avellino, Benevento, L’Aquila, Ascoli Piceno, Monza, Vicenza, Rimini, Forli’, Ravenna, Cesena, Livorno, Pisa, Genova, Savona. Fra i destinatari del fermo, risultano personaggi stranieri. Per alcuni indagati vengono contestate anche le aggravanti mafiose e transnazionali. Fra questi un membro della cosca Iannazzo.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *