Mafia, il boss agrigentino Falsone si converte e scrive: “Rispettate i miei...

Mafia, il boss agrigentino Falsone si converte e scrive: “Rispettate i miei diritti religiosi”

473 views
0
SHARE

Una lettera del boss Giuseppe Falsone, di Campobello di Licata, recluso in regime di 41 bis e condannato all’ergastolo ha scritto una lettera, il 27 novembre scorso, dove chiede “di intervenire affinchè sia rispettato il diritto del detenuto a professare il proprio credo religioso”.

La lettera è stata inviata dall’ex numero due di Cosa Nostra, ed ex capo della organizzazione mafiosa della provincia di Agrigento, dopo che il regime a cui è sottoposto non gli consednte di incontrare il suo padre spirituale della Chiesa Valdese, religione alla quale il boss si sarebbe convertito.

E’ stato lo stesso Falsone, 45 anni, a scrivere di proprio pugno la missiva di tre pagine e ad inviarla al provveditore reginale dell’amministrazinoe penitenziaria del Piemonte.

Tutto nsasce dalla presunta mancata autorizzazione del direttore del carcere di Novara di concedere al ministro di culto della Chiesa Valdese di incontrare ed assistere spiritualmente il campobellese.

“Il 27 novembre scorso – scrive Falsone nel reclamo da lui scritto – vengo a a conoscenza tramite una lettera speditami dal mio ministro di culto che non gli è stato consentito l’accesso nell’istituto penitenziario. Ritengo – continua il boss – sia palese la violazione del mio diritto all’assistenza spirituale”.

Poi la richiesta: “Vi chiedo di supervisionare la condotta della direzione dell’istituto in merito alla vergognosa violazione del mio diritto all’assistenza religiosa”.

L’iniziativa di Falsone di avviare un procedimento formale è stata sollecitata, a quanto pare, dal suo ministro di culto della Chiesa evangelica metodista, Jean Felix Kamba Nzolo, padre spirituale  di Falsone, che lamenta la presenza di un agente durante i precedenti colloqui avuti in carcere prima del presunto divieto.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *