Ruba in casa della ex convivente e la minaccia

Ruba in casa della ex convivente e la minaccia

245 views
0
SHARE

Nel corso della notte i militari della stazione carabinieri di Pachino, in provincia di Siracusa, hanno arrestato in flagranza dei reati di furto in abitazione e maltrattamenti in famiglia un 36enne cittadino polacco, da anni ormai stabilmente residente in Italia. Nella tarda serata di ieri una donna ha contattato il numero di emergenza 112, chiedendo l’intervento dei carabinieri in quanto il suo ex convivente si era introdotto all’interno della sua abitazione e stava asportando vario materiale approfittando della sua assenza. Sul posto è intervenuto personale della stazione carabinieri di Pachino che ha rintracciato immediatamente l’uomo che, nel frattempo, si era rifugiato presso la casa di un amico poco distante dal luogo dei fatti.

I militari gli hanno trovato un computer, un tavolinetto e due piccole poltrone di proprietà della ex compagna che l’uomo aveva portato via dalla casa in cui abitava fino a poco tempo prima insieme alla ex compagna, approfittando delle chiavi mai riconsegnate alla stessa dopo che la relazione sentimentale era finita circa due mesi fa. Accompagnata presso il comando stazione di Pachino per formalizzare denuncia, la donna ha raccontato di aver assistito al furto dal balcone dell’abitazione della madre e che, prima dell’intervento dei militari, l’ex convivente, vistosi scoperto, l’aveva ripetutamente minacciata. Minacce che l’uomo ha ripetuto in lingua polacca anche in presenza dei carabinieri.

La donna ha anche denunciato che le minacce duravano ormai da due anni e che solo in una circostanza erano già stati denunciate alle forze dell’ordine. La vittima, inoltre, ha aggiunto che in alcuni casi, verosimilmente a causa dell’abuso di alcol, l’ex compagno assumeva atteggiamenti violenti nei suoi confronti sfociati anche in episodi di violenza fisica mai denunciati per timore di conseguenze e per tutelare la figlia minorenne avuta con l’ex compagno. La donna, tranquillizzata e riportata alla calma, è stata messa in contatto con un centro antiviolenza ed antistalking per ricevere assistenza psicologica e legale. I carabinieri continueranno a seguire la vicenda. L’arrestato è stato portato nel carcere di Cavadonna a Siracusa.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *