Sciacca, i dati sulla raccolta differenziata del vetro

Redazione

Sciacca

Sciacca, i dati sulla raccolta differenziata del vetro

di Redazione
Pubblicato il Ott 9, 2018
Sciacca, i dati sulla raccolta differenziata del vetro
“La frazione vetro selezionato avente codice CER 15.01.07, dall’1 gennaio al 31 luglio 2018, è pari a 288.343,50 chilogrammi, oltre ad altri 78.493,92 chilogrammi del mese di agosto”. È quanto si evince, dicono il sindaco Francesca Valenti e l’assessore alla Gestione dei Rifiuti Carmelo Brunetto dai dati di recupero dei rifiuti urbani inserito negli atti consegnati dagli uffici al consigliere comunale Teresa Bilello che ne ha fatto richiesta.
“L’ufficio sottolinea anche – aggiungono il sindaco Francesca Valenti e l’assessore Carmelo Brunetto – che tutto il materiale selezionato, compresi i 366.837,42 chilogrammi di imballaggi in vetro non vengono trasferiti in discarica come sovvalli e pertanto il Comune di Sciacca non sostiene nessun costo sia per l’attività di selezione che per lo smaltimento in discarica”.
“La scelta del metodo di raccolta differenziata “multimateriale” (carta, cartone, vetro, legno, plastica, alluminio e metalli) – spiegano ancora il sindaco Valenti e l’assessore Brunetto – è stato stabilito dal Piano ARO da parte della precedente ’Amministrazione Comunale, piano approvato dal Consiglio Comunale. Con il metodo di raccolta multimateriale differenziato, tutte le frazioni degli imballaggi, appartenenti alla famiglia del 15.01 ovvero “Imballaggi (compresi i rifiuti urbani di imballaggio oggetto di raccolta differenziata)” vanno inserite con il codice CER 15.01.06 (Imballaggi di materiali misti) e pertanto, in fase di raccolta le quantità delle singole frazioni dei rifiuti differenziati non sono rilevabili. Tutti i rifiuti differenziati raccolti vanno, come da Piano ARO, sottoposti a selezione”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04