Trattativa Stato-Mafia, oggi è il giorno di Massimo Ciancimino

Redazione

Palermo

Trattativa Stato-Mafia, oggi è il giorno di Massimo Ciancimino

di Redazione
Pubblicato il Feb 4, 2016

E’ il giorno del teste-chiave oggi al processo sulla trattativa tra Stato e mafia, che si celebra davanti alla Corte d’Assise di Palermo. Dalle 9.30 sarà sentito, nella prima di almeno quattro udienza, Massimo Ciancimino, teste ma anche imputato dello stesso processo. E’ stato proprio il figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo a parlare per primo ai magistrati della presunta trattativa che sarebbe stata avviata nel 1992 dal padre, allora in vita, con i Carabinieri del Ros, in particolare con il generale Mario Mori e il colonnello Giuseppe De Donno, entrambi imputati nel processo per minaccia a corpo politico dello Stato. Imputati nel processo anche boss mafiosi, come Totò Riina, Leoluca Bagarella, Antonino Cinà, pentiti come Giovanni Brusca ed ex politici, come Nicola Mancino e Marcello Dell’Utri. L’accusa è rappresentata dai pm Nino Di Matteo, Francesco Del Bene, Roberto Tartaglia e dal Procuratore aggiunto, Vittorio Teresi.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361