Presentato il calendario del Giubileo nella Diocesi agrigentina

Presentato il calendario del Giubileo nella Diocesi agrigentina

833 views
0
SHARE
Il crocefisso cubano

Il crocefisso cubano
Il crocefisso cubano

Una sorpresa ha accolto oggi i cronisti convocati per la conferenza stampa di presentazione del Giubileo 2015-2016.

La locandina delle manifestazioni
La locandina delle manifestazioni

Nella sala delle conferenze è stato esposto il grande crocefisso, tre metri e quaranta per due metri e settantacinque, donato da Fidel Castro a Papa Francesco. Una figura enorme che sovrasta con la sua rude sofferenza un altro dipinto che occupa la parete della sala vescovile. E’ opera dell’artista Alexis Leyva Machado che lo ha creato assemblando vecchi remi rosi dalla salsedine per formare la croce tenuta insieme da grossi canapi. A presiedere la riunione don Franco Montenegro, don Petrone direttore dell’Amico del popolo e don Rino Lauricella responsabile dell’ufficio liturgico della diocesi e che ha illustrato il programma.

L’apertura diocesana del Giubileo si celebrerà nella Concattedrale S. Croce (Villaseta) Agrigento – Domenica 13 dicembre ore 17,30.  Le aperture delle chiese gìubilari e pellegrinaggio del Crocifisso che Papa Francesco ha donato alla comunità di Lampedusa nelle zoni pastorali dell’Arcidiocesi, si svolgerà nei seguenti giorni:

Giovedì 17 dicembre ore 18,00 – Chiesa Madre Palma di Montechiaro;

Venerdì 18 dicembre ore 18,00 – Chiesa Santa Chiara Canicattì;

Domenica 20 dicembre ore 18,00 – Chiesa Madre Santo Stefano Quisquina;

Lunedì 21 dicembre ore 18,00 – Chiesa Madre Sciacca.

La Consegna del Crocifisso alla Comunità di Lampedusa è fissata per domenica 17 gennaio 2016.

Luoghi Giubilari sono stati indicati nella Chiesa Cattedrale – Santa Maria dei Greci – nelle chiese Concattedrali di S. Domenico e S. Croce in Agrigento, nella Basilica Madonna del Soccorso in Sciacca, Maria SS. del Rosario (Matrice) in Palma di Montechiaro, Madonna della Rocca (p. Gioacchino) in Canicattì, Santuario di San Giacinto Giordano Anzalone (Matrice) in Santo Stefano di Quisquina, Santuario SS. Crocifisso in Siculiana, Santuario Madonna di Porto Salvo e La Porta d’Europa in Lampedusa, San Gerlando in Linosa, nei luoghi giubilari a carattere diocesano nei luoghi in occasione della giornata “24 ore per il Signore”.

Un totale dell'opera
Un totale dell’opera

Le altre disposizioni  sono previste in ogni chiesa parrocchiale, nei seguenti giorno dell’Anno Liturgico: Natale del Signore, Solennità di Maria SS. Madre di Dio, Epifania del Signore, Mercoledì delle Ceneri, Triduo Pasquale del Signore, Seconda Domenica di Pasqua o della Divina Misericordia, Domenica di Pentecoste, Sacratissimo Cuore di Gesù, Esaltazione della S. Croce, Festa del Titolare della Chiesa e del Patrono della Città. Nei Santuari della sofferenza:  S.Giovanni di Dio in Agrigento; Barone Lombardo in Canicattì; S. Giacomo d’Altopasso in Licata; Fratelli Parlapiano in Ribera; Ospedale Giovanni Paolo II in Sciacca; nei luoghi dove si terranno le catechesi sulla opere di misericordia, nei cimiteri nelle seguenti date: 27 gennaio giornata della memoria della Shoah; 7 febbraio Giornata della vita; 21 marzo vittime di tutte le mafie; 24 marzo giornata del ricordo dei martiri missionari; 3 ottobre anniversario della morte dei migranti;

Le altre modalità per ricevere il dono dell’indulgenza sono dedicate alle persone ammalate, anziane o sole, spesso in condizione di non poter uscire di casa e che  potranno usufruire del dono dell’indulgenza accogliendo la loro malattia e sofferenza come esperienza di vicinanza al mistero di Cristo; l’esortazione è di  vivere con fede e gioia questi momenti di prova, ricevendo la comunione o partecipando alla santa messa e alla preghiera comunitaria, anche attraverso i mezzi di comunicazione sociale. Compiendo personalmente una delle opere di misericordia corporali e spirituali. I carcerati nelle cappelle dei loro carceri o tutte le volte che attraverseranno la porte della loro cella rivolgendo il loro pensiero e la loro preghiera al Padre. L’indulgenza può essere ottenuta anche per i defunti.

Particolare della croce con i remi e i canapi
Particolare della croce con i remi e i canapi

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *