Esami falsi all’Università di Palermo: revocata una laurea, altri provvedimenti in arrivo

Redazione

Palermo

Esami falsi all’Università di Palermo: revocata una laurea, altri provvedimenti in arrivo

di Redazione
Pubblicato il Feb 2, 2016

Trema l’Ateneo di Palermo. Almeno chi sa di essere in qualche modo collegato ai falsi esami finiti nel mirino della procura di palermo. Le carte, infatti, arrivano all’università ed il rettore fabrizio Micari ha deciso di esaminarle nel dettaglio E ora scattano i primi provvedimenti. Il Senato accademico, scrive il giornale ‘La Repubblica’, ha già revocato una laurea in Economia. E altre tre stanno per essere cancellate.

Secondo l’inchiesta alcune materie sarebbero state conseguite solo sulla carta, grazie al provvidenziale intervento dell’allora responsabile della segreteria della facoltà di Economia, Adriana Paola Cardella, che dopo l’ indagine della squadra mobile è stata licenziata.

“Faremo pulizia, ma con molta attenzione – dice Micari sempre al giornale -“. L’ annullamento, per alcuni esami superati illegalmente, ha effetti pesantissimi: la cancellazione dell’ iscrizione a un ordine professionale, la perdita di un posto di lavoro.

Chi ha conseguito lauree illegittimamente ha, però, una via d’uscita: .una nuova iscrizione in facoltà, per conseguire in maniera regolare le materie contestate.

Dalle prime analisi sulle carte inviate dalla procura sembra che siano una quarantina le lauree a rischio, venti quelle segnalate dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dal sostituto Amelia Luise, altre individuate dalla stessa Università dopo un’ indagine interna. Nel mirino non c’è solo la facoltà di Economia, ma anche quelle di Architettura e di Ingegneria. Perché fra il 2007 e il 2010 c’ era un vero e proprio racket degli esami.

Tutto ebbe inizio da una lite fra uno studente e un funzionario dell’università sedata a fatica da una volante. Mesi dopo, Paola Cardella confessò ai suoi superiori l’imbroglio e andò in pensione. Lei confessa la responsabilità solo di pochi casi e così nel mirino finiscono altri impiegati della segreteria di Economia, Rosalba Volpicelli e Ignazio Giulietto. Con loro sono a giudizio venti studenti.

Ma l’inchiesta non ha tolto il coperchio a tutto il sistema. Restano da identificare altri responsabili il cui ruolo è emerso durante l’inchiesta ma non i nomi.


Dal Web


  • Palermo

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Palermo

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Palermo

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Palermo

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361