Barbiere abusivo dai vigili urbani, lui dice: “Sfamo la famiglia”

Redazione

Ultime Notizie

Barbiere abusivo dai vigili urbani, lui dice: “Sfamo la famiglia”

di Redazione
Pubblicato il Apr 15, 2016
Barbiere abusivo dai vigili urbani, lui dice: “Sfamo la famiglia”

“Sono stato adottato dal comando dei vigili urbani. Sono entrato in quella caserma quando avevo 10 anni. Mio padre Michele era il barbiere della polizia municipale. Gli agenti dovevano uscire con la barba fatta e i capelli in ordine, per questo la barberia era autorizzata e prevista. Quando e’ andato via mio padre la stanza non era piu’ disponibile e mi hanno detto di mettermi nel bagno in attesa di regolarizzare la mia posizione”. Lo dice all’ANSA Luigi Giudice, 47 anni, il barbiere “abusivo” del comando dei vigili urbani di via Dogali a PALERMO. “Sono senza lavoro da un anno e mezzo. Ho due figli. Quello di 9 anni e’ invalido, mia moglie e’ casalinga e io devo campare la famiglia. Al comando mi conoscono tutti da anni. Da un anno e mezzo avevo affisso quel cartello con gli orari. Non avevo un tariffario” spiega. ”I vigili mi davano quello che volevano. Qualcuno mi faceva la spesa e mi dava vestiti per mio figlio – aggiunge Giudice – Ho bisogno solo di lavorare. Questa storia sta distruggendo l’unica entrata che avevo. Io ho bisogno solo di un lavoro. Forse chiedo troppo in questa societa’”. Il barbiere dice di avere tutto pronto per prendere il posto del padre: “Avevo tutta la documentazione in regola – aggiunge – Poi alla fine per me al comando non c’e’ stato posto e mi hanno detto di mettermi nel bagno. Io parlavo con qualcuno della segreteria dei vari comandanti che si sono succeduti, Pedicone, Di Peri e Messina per chiedere di essere regolarizzato, ma non mi e’ arrivata mai nessuna risposta”.


Dal Web


  • Ultime Notizie

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Ultime Notizie

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Ultime Notizie

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Ultime Notizie

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361