Catania

Sicilia, Crocetta: “Città metropolitane occasione di rilancio dei capoluoghi”

ORLANDO METROPOLITHo voluto sin dall’inizio una riforma che incardinasse nel sistema siciliano l’autonomia degli Enti locali in coerenza con lo statuto della Regione che prevedeva i Liberi consorzi. Un’autonomia legata non all’esistenza di Enti intermedi che si sovrapponessero rispetto all’autonomia dei comuni e alla regione; un modello in cui non ci sia piu’ la regione che gestisce, ma una regione che aiuta la programmazione e controlla”. “Abbiamo tentato di avviare la riforma delle Province sin dal primo giorno e alla fine ci siamo riusciti. Entro l’anno Liberi Consorzi e Citta’ metropolitane decolleranno veramente. Io credo che sia soprattutto un’occasione di rilancio di Catania, Palermo e Messina, ma non dimentichiamo anche gli altri Liberi consorzi che potranno avere una nuova governance piu’ vicina ai territori”.

Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, durante la cerimonia di insediamento di Leoluca Orlando a sindaco della citta’ metropolitana di Palermo. “La riforma dara’ ai sindaci maggiori poteri per essere piu’ vicini ai cittadini, permettera’ di razionalizzare i servizi, ridurre i costi, rilanciare e fare sistema, come si e’ fatto con il patto delle citta’ metropolitane e per il Patto per la Sicilia”

 

Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, a Catania per l’insediamento di Enzo Bianco come sindaco metropolitano. “Il guaio che abbiamo fatto in Sicilia – ha aggiunto Crocetta – e’ che e’ una regione a Statuto Speciale e nessuno la controllava. Noi dobbiamo invertire questa situazione, lasciando ai sindaci la gestione dei territori, dando loro gli strumenti per poterlo fare e pensare ad un contesto piu’ ampio in cui la Regione diventa un punto di incontro di tutte le richieste dei territori con una Regione che non sperpera, ma che programma. Il coordinamento reale e’ cosi’ affidato al sindaco metropolitano nel caso delle citta’ metropolitane e al presidente dei liberi consorzi negli altri casi”.

ORLANDO SI INSEDIA A PALERMO.”La comunita’ metropolitana c’era gia’, non nasce oggi. Era nella testa dei cittadini. Mancava solo un riscontro istituzionale. Da oggi abbiamo il dovere di costruire anche in termini istituzionali la comunita’ metropolitana nei settori dell’acqua, del turismo e dei trasporti. Fondamentale e’ il ruolo dei sindaci, perche’ i sindaci sono espressione di comunita’, ognuno nella propria realta’. Dobbiamo superare le divisioni e costruire un’unica comunita’ metropolitana, con un unico potenziale al servizio dei cittadini”. Lo ha detto Leoluca Orlando, neo sindaco della citta’ metropolitana di Palermo, durante la cerimonia di insediamento che si e’ tenuta stamattina nel capoluogo siciliano. “Dal punto di vista dei servizi sara’ possibile fare economia di scala e accorpare istituti scolastici – ha sottolineato Orlando -. Bisogna razionalizzare l’edilizia scolastica e investire sul settore drammatico delle strade provinciali. A proposito di questo, quelle strategiche devono essere affidate all’Anas, lasciando alla citta’ metropolitana le ex consortili. Non dimenticando, poi, che la Provincia ha come competenza anche l’edilizia scolastica superiore e l’attenzione ai portatori di handicap”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top