Cutrò: “Oggi non mi ha ucciso la mafia ma il Servizio centrale...

Cutrò: “Oggi non mi ha ucciso la mafia ma il Servizio centrale di protezione…”

0
SHARE

Da oggi non sono più un testimone di giustizia. Sono stato buttato fuori dal programma di protezione. E’ incredibile. Dopo tutte le battaglie che ho fatto per dare voce ai testimoni di tutta Italia. Sono veramente avvilito e deluso dallo Stato”. E’ l’amaro sfogo all’Adnkronos di Ignazio Cutrò, il Presidente dell’associazione nazionale testimone di giustizia siciliano al quale il Viminale non ha prorogato e speciali misure di protezione previste per i testimoni di giustizia e per i loro familiari. Da oggi gli verranno applicate le misure ordinarie di protezione. Una decisione che ha gettato nello sconforto l’uomo che da anni si batte per i diritti dei testimoni di giustizia. “Ecco l’ennesimo ringraziamento da parte della burocrazia per Ignazio Cutrò. Ebbene, il Ministero dell’Interno ha stabilito che la MAFIA ha già dimenticato, Ignazio Cutrò e la sua famiglia non rischia più ritorsioni per le sue dichiarazioni, semmai rischia per l’attività antiracket che negli anni ha condotto, quindi non necessita più rinnovare le speciali misure di protezione per Testimoni di Giustizia”, dice il figlio di Cutrò, Giuseppe. Cutrò, dopo avere appreso la notizia ha avuto un malore ed è caduto a terra “privo si sensi”, come dice il figlio. “Accusato di aver ingiustamente puntato il dito su quelle Istituzioni che potevano fare e non hanno fatto, una persona di peso Ignazio Cutrò, perché rimanendo nella sua terra d’origine e mantenendo la propria identità ha potuto a differenza di altri Testimoni di Giustizia, lottare, divulgare ciò che accadeva e tutte le situazioni spiacevoli che si potevano incontrare nel proprio cammino, attirando talvolta l’attenzione dei media, nemici per chi non compie bene il suo lavoro”, continua il figlio Giuseppe. “Mio padre ha fatto delle sue idee e della sua parola uno strumento di tramite, un megafono per chi sottostava al silenzio da anni. Ha costituito quella famosa Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia, non ben vista da qualcuno ed hanno prodotto tanti frutti, come la legge che ne prevede l’assunzione nei pubblici uffici”, prosegue Cutrò junior.

“Ultimamente il Ministero sta trattando così tutti i testimoni di Giustizia, uomini e donne che credendo nella Giustizia han dato il proprio contributo. Sarà il Ministro Alfano, con tutto rispetto, da conterraneo e quindi che conosce bene la fine che spetta a persone “scomode” per la mafia come mio padre, a garantire per la sua incolumità?”, dice il figlio Giuseppe Cutrò. “È vero, d’altronde Roma è a diverse centinaia di chilometri da Bivona, punti di vista diversi, anche se hanno gli occhi in strutture territoriali, quali Prefetture e Forze dell’ordine – dice ancora – Un gioco di ruolo troppo complicato per me, un ragazzo di 26 che ha perso tanto nella vita. Forse, questo fa parte del taglio alle spese, Presidente Renzi? Lo Stato ha deliberato che la mafia o chi per loro non potrà più toccarci, una bella notizia. Da oggi la revoca delle misure di protezione, grazie. Io nel frattempo aspetto che mio padre si riprenda dal malore che ha avuto nel leggere le prime righe della delibera a Firma del Senatore Bubbico, presidente della Commissione Centrale, spiegherò io ad Ignazio Cutrò del sigillo che avete messo sulle nostre vite. Se davvero devo ringraziare qualcuno in questa vicenda, devo ringraziare i Carabinieri che ci sono stati accanto, come una vera famiglia, magistratura e quella parte di politica sana. Per quanto riguarda gli altri, saranno ritenuti direttamente responsabili per ciò che accadrà a mio padre e la mia famiglia, in conseguenza alle scelte che hanno fatto per il ruolo che ricoprono”. E oggi l’Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia ha espresso “piena solidarietà e vicinanza a Ignazio Cutrò destinatario del provvedimento di revoca del programma di protezione dalla Commissione Centrale presieduta dal viceministro dell’interno, senatore del Partito Democratico Filippo Bubbico. Lo stesso senatore e viceministro che nella veste di presidente della Commissione Centrale rifiuta al Cutrò la consegna delle relazione del Viminale che confermano che l’impresa edile di Cutrò è fallita a causa delle denunce contro la mafia della Bassa Quisquina”, si legge in una nota. “A breve, entro un anno, arriverà la decisione del Prefetto di Agrigento che porterà al depotenziamento della scorta dapprima ai familiari e poi a Ignazio Cutrò. A questo punto Cosa Nostra potrà compiere indisturbata la sua vendetta contro Ignazio Cutrò così come ha fatto con Domenico Noviello barbaramente assassinato. Lo Stato protegge i collaboratori di giustizia, molti persino da decenni, invece Ignazio Cutrò viene punito perché la sua è una voce Libera, colpito per educare i testimoni di giustizia alla disciplina della Commissione Centrale del Ministero degli Interni. Non resta allora che qualcun’altro si occupi di abbattere fisicamente Ignazio Cutrò. In Sicilia, nell’entroterra di Agrigento dove vive la famiglia Cutrò, quel qualcun’altro ha già lubrificato le armi”. “Oggi non mi ha ucciso la mafia ma il Servizio centrale di protezione…”, dice Ignazio Cutrò, che annuncia di volere presentare ricorso al Tar.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY