Agrigento: consegnati i premi Telamone 2016

Diego Romeo

Agrigento

Agrigento: consegnati i premi Telamone 2016

di Diego Romeo
Pubblicato il Nov 27, 2016
Agrigento: consegnati i premi Telamone 2016

Con una sobria cerimonia  nel Museo archeologico di Agrigento sono stati consegnati i Premi Telamone 2016 che il Cepasa di Paolo Cilona organizza per la quarantesima  volta.

Tutti nomi noti con l’aggiunta di un “piccolo grande  eroe”, quel dottor Pietro Bartolo medico a Lampedusa che ha raccolto questo ennesimo riconoscimento di gratitudine.

E poi Filippo Chiappisi pittore, saggista e già vice questore ad Agrigento che ha ricevuto la statuetta dalle mani del vice capo della Polizia Antonino Cufalo,  Adriana Santanocito per la “Orange Piper”, Salvatore Salvago presidente Sezione suprema della Corte di Cassazione che ha ricevuto il premio dal dottor Cardinale presidente Corte d’Appello, Antonella De Miro prefetto di Palermo, Francesco Messina responsabile ”Conad Sicilia”, Anna Di Marco segretario regionale del corpo infermieri della Croce Rossa, Carmelo Barbagallo segretario Nazionale Uil, Pino Cuttaia chef osannato dalla Guida Michelin, Mario Adelfio Latteri medico oncologo, Lello Analfino cantautore e infine il direttore del quotidiano” Il Messaggero” Virman Cusenza, siciliano di Palermo.

Una cerimonia, presentata da Daniela Spalanca, che è stata inframezzata con le note della pianista  Rita Capodicasa, da un siparietto teatrale interpretato da Maria Grazia Castellana e dai versi delle poetesse Giuseppina Mira, Caterina Meloni e Lia Camilleri declamate dinanzi il sagrato della Chiesa di San Nicola dove era stato acceso il Tripode della Pace.

Con uno sguardo al Tempio della Concordia  che splendeva nell’oscurità della Valle e con un arrivederci del presidente Cilona che ha annunciato a breve  la presentazione del libro  che racconta i 40 anni del Premio Telamone.


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361