Agrigento: Dopo sessant’anni la Chiesa di San Pietro torna a celebrare il...

Agrigento: Dopo sessant’anni la Chiesa di San Pietro torna a celebrare il suo Santo

Condividi
La Chiesa di San Pietro, ad Agrigento

La Chiesa di San Pietro dopo oltre sessant’anni torna a celebrare il suo Santo. Mercoledì 29 giugno in occasione della ricorrenza della festività dei Santi Pietro e Paolo, l’Arcidiocesi di Agrigento, in collaborazione con Spazio Temenos, celebrerà l’apostolo Pietro. Sarà un momento di fede e di preghiera ma anche di cultura e di arte.

Alle 21 verrà celebrata la Santa Messa durante la quale vi sarà un momento tutto dedicato all’arte sacra, alla scoperta del patrimonio artistico custodito all’interno della splendida Chiesa di San Pietro. La Chiesa settecentesca, situata in via Pirandello, vicino alla via Atenea, conserva un bene artistico di straordinario pregio: dodici affreschi del pittore palermitano Giuseppe Crestadoro (Palermo 1725/1730 – Messina 1808) raffiguranti i momenti più importanti della vita di San Pietro.

Attraverso la lettura iconografica, accompagnata da proiezioni e passi del Vangelo, verranno raccontati i singoli affreschi ripercorrendo le tappe della vita dell’apostolo Pietro. Un’occasione per scoprire la bellezza della Chiesa di San Pietro la quale, chiusa dal 1954 e riaperta solo lo scorso anno, è ancora sconosciuta a molti agrigentini.

 “La città torna a celebrare San Pietro -  dichiara Salvatore Ciulla, presidente della cooperativa sociale Temenos - sarà il primo appuntamento di una ricorrenza che festeggeremo d’ora in poi ogni anno. La Chiesa di San Pietro, pur non essendo più adibita al culto, vuole essere  punto di riferimento del culto di San Pietro e polo culturale di valorizzazione dell’arte sacra”.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *