Agrigento, operazione “Estate Sicura”: tolleranza zero contro ambulanti abusivi a San Leone (video)

Redazione

Agrigento

Agrigento, operazione “Estate Sicura”: tolleranza zero contro ambulanti abusivi a San Leone (video)

di Redazione
Pubblicato il Giu 25, 2018
Agrigento, operazione “Estate Sicura”: tolleranza zero contro ambulanti abusivi a San Leone (video)

Una trentina tra carabinieri, militari della Guardia di Finanza e agenti della Polizia Locale di Agrigento hanno battuto a tappeto tutto il litorale di San Leone – nell’ambito dell’operazione ribattezzata “Estate Sicura” – allo scopo di garantire ad ogni costo la fruibilità del lungomare per le passeggiate di famiglie e turisti, senza dover fare la gimcana tra le centinaia di venditori abusivi di merce contraffatta. La strategia utilizzata è stata quella di un massiccio pattugliamento preventivo.

 

Ciò che ha colpito Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale sono stati i ripetuti attestati di stima e di gratitudine da parte di famiglie intere, intente a passeggiare. Nel fermare Carabinieri, Finanzieri e Agenti allo scopo di dire “grazie”, si sono dette incredule della possibilità, finalmente, di godersi liberamente il lungo mare senza dover schivare le centinaia di bancarelle abusive degli ambulanti con merce contraffatta.

I viali che costeggiano la spiaggia di San Leone erano infatti totalmente liberi, come si nota anche dai filmati che sono stati girati.

Il servizio del weekend è stato disposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Agrigento, nell’ambito dell’operazione “Estate sicura e serena per San Leone” e rientra in una strategia che ha proprio l’obiettivo di lasciare un segnale strutturale e duraturo su un tema così caro alla cittadinanza agrigentina, quale quello della totale fruibilità dell’area rivierasca della città dei Templi.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04