Giudiziaria

Ferrandelli, un altro pentito accusa il politico. Lui si difende: “Mai comprato voti”

C’è anche un altro collaboratore di giustizia chiama in causa Fabrizio Ferrandelli, il candidato sindaco indagato per voto di scambio politico-mafioso.

Secondo il quotidiano Repubblica sarebbe Vincenzo Gennaro, l’imprenditore boss che era diventato il ras dei lavori pubblici all’interno del municipio di Altavilla: nel 2014 le sue dichiarazioni hanno portato allo scioglimento del Consiglio comunale per mafia. Già due anni fa, Gennaro aveva parlato di alcuni favori che Ferrandelli avrebbe fatto al primo cittadino di Altavilla, Nino Parisi. Dichiarazioni che ieri mattina i pubblici ministeri Sergio Demontis e Caterina Malagoli hanno contestato a Ferrandelli, durante l’interrogatorio in procura. Ma Ferrandelli nega di conoscere Gennaro, nega soprattutto di aver fatto favori al primo cittadino. Il leader dei “Coraggiosi” ammette solo di aver partecipato a un incontro pubblico con Parisi. Era il 9 settembre del 2013: su Facebook una foto ritrae l’allora deputato regionale e il sindaco insieme in occasione della cerimonia per «l’omaggio floreale alla Madonna delle Milicia».

Si è difeso dalle accuse in oltre due ore di interrogatorio, sostenuto davanti ai pm Sergio Demontis e Caterina Malagoli: Fabrizio Ferrandelli, nega di avere commesso il reato di voto di scambio politico-mafioso, che gli viene contestato dalla Procura di Palermo, che lo accusa di avere comprato un pacchetto di voti dalla famiglia mafiosa del quartiere del Borgo Vecchio, sia alle elezioni comunali del capoluogo siciliano che alle successive regionali, tenute nello stesso anno, il 2012.

Lo scambio sarebbe consistito nel pagamento di quattromila euro per avere un centinaio di voti. Le accuse contro l’allora ex candidato sindaco di Palermo, pronto a ricandidarsi anche adesso, arrivano da un collaboratore di giustizia che gestiva, assieme ai familiari, un notissimo negozio di frutta nella piazza del Borgo, Giuseppe Tantillo.

Ferrandelli esclude di avere incontrato lui e altri parenti, se non in occasioni pubbliche, in presenza di altri negozianti e commercianti della zona, sotto l’egida del partito per il quale l’attuale indagato era candidato, il Pd.

Altra merce di scambio sarebbe stata l’organizzazione di un concerto in piazza del cantante neomelodico Gianni Vezzosi, tenuto in vista delle amministrative, nell’aprile di cinque anni fa, con i manifesti elettorali di Ferrandelli (che esclude di avere “sponsorizzato” l’iniziativa) sul palco.

Nel difendersi davanti ai Pm, l’ex deputato regionale siciliano ha detto anche di avere preso meno preferenze personali di quelle riportate dalla sua lista, quando era candidato sindaco. Ma alle regionali si piazzò terzo nell’intera provincia, ottenendo l’elezione dopo due big del partito come il segretario regionale, Giuseppe Lupo, e l’attuale assessore regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici: l’attuale sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, fu ampiamente battuto, con oltre 800 voti di scarto.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Most Popular

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top