“Il giudice di Canicattì”, presentato in Campidoglio documentario su Livatino. Raggi: “Non dobbiamo mai dimenticare”

Redazione

Canicattì

“Il giudice di Canicattì”, presentato in Campidoglio documentario su Livatino. Raggi: “Non dobbiamo mai dimenticare”

di Redazione
Pubblicato il Set 14, 2017
“Il giudice di Canicattì”, presentato in Campidoglio documentario su Livatino. Raggi: “Non dobbiamo mai dimenticare”

Il documentario ‘Il Giudice di Canicattì. Rosario Livatino, il coraggio e la tenacia” di Davide Lorenzano è stato presentato in Campidoglio alla presenza della sindaca di Roma Virginia Raggi.

L’opera, attraverso testimonianze e interviste raccolte dal regista, ricostruisce la vita del giudice ucciso all’età di 38 anni dalla Stidda il 21 settembre 1990 sulla strada statale 640 mentre si recava, senza scorta, in tribunale.

https://www.facebook.com/pg/IlGiudiceDiCanicatti/videos/?ref=page_internal

Sulla stessa strada, due anni prima, era stato assassinato un altro magistrato, Antonino Saetta con il figlio Stefano. “Oggi sono onorata di ospitare in questa sede un tributo importante a una persona che rappresenta un esempio per tutti noi – ha detto Raggi – Tuttavia non dobbiamo dimenticare tutti coloro che quotidianamente portano avanti questa battaglia: alcuni sono qui in questa sala oggi, altri sono nelle procure e altri ancora sono comuni cittadini che portano avanti una battaglia contro qualcosa di estremamente ramificato senza arrendersi”.

E’ intervenuto in Campidoglio anche il sindaco di Canicattì, Ettore Di Ventura,: “Canicatti’ ha pagato un prezzo altissimo” ma l’impulso alla lotta alla mafia che quel delitto innesco’ (insieme, alle stragi, due anni dopo, di Capaci e via D’Amelio), ha portato a un riscatto della Sicilia che “puo’ essere il riscatto dell’Italia stessa”. A parlare e’ il sindaco di Canicatti’, Ettore Di Ventura, che oggi a Roma ha partecipato alla presentazione del documentario “Il Giudice di Canicatti’. Rosario Livatino, il coraggio e la tenacia”


Dal Web


  • Canicattì

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Canicattì

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Canicattì

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Canicattì

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361