Incontri sessuali a pagamento per depredare clienti, denunciata

Incontri sessuali a pagamento per depredare clienti, denunciata

0
SHARE
Polizia

Gli agenti della Polizia di Stato hanno denunciato una cittadina palermitana, di 42 anni, ritenuta responsabile di una lunga sfilza di reati che vanno dal furto aggravato alla ricettazione, passando per l’indebito utilizzo di carta di credito, introduzione di banconote false, furto aggravato di energia elettrica e, soprattutto, favoreggiamento della prostituzione. A scoprire il raggiro della donna, abitualmente dedita alla prostituzione, nei confronti di un “cliente”, i poliziotti della sezione Investigativa del Commissariato Porta Nuova. Il sospetto è che l’inganno non sia il primo e che la donna, più volte, abbia approfittato dello stato di soggezione di altri clienti per mettere a segno analoghi colpi. Secondo quanto accertato dagli agenti, la donna, tramite la chat di un social network, avrebbe conosciuto un uomo e, con lui avrebbe pattuito un incontro sessuale da consumare nel suo appartamento. Quando l’uomo si è presentato nell’abitazione, gli sarebbe stato proposto un incontro con un’altra donna lì presente, suggerimento che l’uomo non avrebbe faticato ad accettare. A rapporto consumato e ricompensato con cifra esigua e contestata dalla prostituta, l’uomo avrebbe abbandonato l’appartamento. Solo dopo alcuni minuti, recatosi in un istituto di credito per effettuare un prelievo, si è accorto di essere stato privato del bancomat e di avere nel portafogli una banconota da 50 euro, palesemente contraffatta. Le rimostranze dell’uomo sarebbero state sdegnosamente respinte dalle due donne, nel frattempo raggiunte in casa, tanto da convincere la vittima a rivolgersi al Commissariato di Porta Nuova. I poliziotti hanno raggiunto il domicilio segnalato ed hanno riscontrato il contenuto del racconto del denunciante, versione integralmente confermata dalle due prostitute. Una delle due, quella che non aveva consumato il rapporto sessuale con la vittima, si è assunta la responsabilità del furto della carta bancomat ed ha aggravato la sua posizione raccontando agli agenti di avere cercato di effettuare un prelievo con quella carta, senza successo; ha, inoltre, ammesso, di avere sottratto il cellulare ad un altro cliente, in occasione di un precedente rapporto a pagamento, riconsegnandolo agli agenti. L’appartamento della donna, infine, e’ risultato collegato abusivamente alla rete elettrica. Indagini sono in corso per verificare se abbia commesso altri analoghi episodi e se, quindi, la fiorente attività di prostituzione delle due donne fosse strumentale a sistematici furti e raggiri nei confronti di clienti, quasi sempre adescati sui social network.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *