Mafia, commerciante ucciso a Gela: commemorazione nel 24° anniversario

Redazione

Caltanissetta

Mafia, commerciante ucciso a Gela: commemorazione nel 24° anniversario

di Redazione
Pubblicato il Nov 10, 2016
Mafia, commerciante ucciso a Gela: commemorazione nel 24° anniversario

Gela commemora oggi il 24/mo anniversario dell’uccisione del commerciante Gaetano Giordano, caduto sotto cinque colpi di pistola davanti casa per mano del racket delle estorsioni. Il figlio Massimo, allora 20enne, che era con lui rimase ferito. Giordano, proprietario di due profumerie, si era rifiutato coraggiosamente di pagare il “pizzo” alle cosche mafiose, denunciando i taglieggiatori. Erano gli anni di piombo della guerra di mafia e Stidda e Cosa Nostra, che stavano tentando di chiudere con un trattato di pace e la divisione del territorio e degli affari illeciti, non potevano permettere a nessuno di ribellarsi. Il commerciante percio’ fu estratto a sorte e condannato a morte all’insegna della filosofia delle brigate rosse “ammazzarne uno per educarne 100”. Da allora molto e’ cambiato, grazie anche all’associazione antiracket che porta il suo nome e che ha fatto arrestare nel tempo oltre 150 mafiosi. La figura di Giordano sara’ ricordata, alle 17,30, con un convegno al quale partecipera’, tra gli altri, il presidente onorario della Fai, Tano Grasso. La moglie del profumiere ucciso, Franca Evangelista, rivive il dolore di quella sera ma anche “la paura e l’incapacita’ di comprendere quello che era accaduto, perche’ – dice – temevamo possibili ritorsioni ma non pensavamo mai che potessero arrivare a uccidere”. “A distanza di 24 anni – dice la vedova all’ANSA – io e i miei figli (Massimo, 46 anni, Tiziana, 45, ndr.) ci sentiamo sollevati perche’ non abbiamo dovuto cambiare vita ne’ citta’”. “Gela ci e’ stata vicina, aiutandoci, sostenendoci e cercandoci, anche con gli occhi, per dimostrarci il suo affetto”. Alla domanda se ha perdonato gli assassini di suo marito, Franca Evangelista ha risposto: “Perdonare? No, ho preferito ignorarli. Hanno pagato con il carcere la loro colpa. Un giorno ne risponderanno a Dio”.


Dal Web


  • Caltanissetta

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Caltanissetta

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Caltanissetta

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Caltanissetta

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361