Mafia: Mori, Ciancimino nostro agente ‘sotto copertura’

Mafia: Mori, Ciancimino nostro agente ‘sotto copertura’

0
SHARE

Vito Ciancimino non ebbe alcun merito nella cattura di Toto’ Riina e non fu il mediatore di alcuna “trattativa” tra lo Stato e la mafia. Il suo vero ruolo, come lo ha tratteggiato il generale Mario Mori, sarebbe stato quello di un “agente sotto copertura” in missione nel sistema illegale degli appalti. Tutto il resto, cosi’ come lo ha descritto Massimo Ciancimino, non esiste. Il figlio di don Vito, attacca l’ex capo del Ros, ha costruito una colossale montatura. In tanti punti della sua linea di difesa, prospettata con lunghe dichiarazioni spontanee davanti alla corte d’assise, Mori pronuncia la parola “falso”. Ed enumera in aula le sue certezze. La “trattativa”? Non c’e’ mai stata. Il “papello” con le richieste della mafia per fermare le stragi? Non e’ mai esistito. E la cattura di Toto’ Riina? Vito Ciancimino non c’entra nulla: fu l’esito di un lavoro investigativo autonomo. A conti fatti, il generale ripete le cose che ha gia’ detto nel processo per la mancata cattura di Bernardo Provenzano dal quale e’ uscito con l’assoluzione. Lo spunto nuovo e’ quello che attribuisce a don Vito il ruolo di agente sotto copertura molto vicino a quello di un confidente. I contatti di Mori con Ciancimino furono quattro, e si svolsero tra agosto e ottobre 1992. Poi il dialogo venne gestito dal procuratore del tempo, Gian Carlo Caselli, e dal pm Antonio Ingroia. Il Ros aveva cercato il contatto con l’ex sindaco perche’ lo aveva individuato come lo “snodo” dei rapporti tra mafia e mondo politico-imprenditoriale. Era il tempo di “Mani pulite” a Milano e di un’indagine su mafia e appalti che il Ros, con Mori e Giuseppe Donno, conduceva in Sicilia. Quella era considerata la pista in grado di aprire varchi negli scenari delle stragi di Capaci e via D’Amelio e Ciancimino era sembrato l’uomo giusto. Mori e’ convinto che la sua disponibilita’ a dare una mano corrispondeva anche a un suo interesse personale. Ciancimino cercava di attenuare i colpi della sua vicenda giudiziaria (era sotto processo per mafia e appalti) e accetto’ di prendere contatti con “l’altra parte” ma chiese alcune precauzioni: gli incontri dovevano avvenire all’estero, il mediatore doveva essere lo stesso Ciancimino e chiese un “occhio di riguardo per i suoi problemi giudiziari”. Non ottenne nulla o quasi. Non contribui’ alle indagini in modo determinante. Ma in compenso il figlio Massimo ha messo in piedi un “processo mediatico” parallelo, ha tirato fuori la storia del fantomatico “Carlo/Franco”, un funzionario dei servizi di sicurezza che avrebbe assicurato il collegamento con Nicola Mancino e Virginio Rognoni, e ha reso dichiarazioni “a rate” alimentando una famigerata “messa in scena” impostata su un un copione romanzesco. Per Mori c’e’ una sola verita’ che lo riguarda: non ha mai “trattato” con nessuno, ha rispettato le regole di un leale investigatore.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *