Mafia, morta la vedova di Libero Grassi, simbolo dell’antimafia

Mafia, morta la vedova di Libero Grassi, simbolo dell’antimafia

0
SHARE

E’ morta nella tarda serata di ieri a Palermo Pina Maisano Grassi, 87 anni, vedova dell’imprenditore Libero Grassi ucciso il 31 agosto del 1991 per essersi opposto al racket del pizzo. La donna, diventata negli anni simbolo della lotta alla mafia, è morta in ospedale dove era stata ricoverata ieri per un malore. Pina Maisano Grassi, un anno dopo l’uccisione del marito, venne eletta senatrice nelle liste dei Verdi. Aveva anche ricoperto il ruolo di assessore provinciale a Palermo. Negli ultimi anni si era molto impegnata soprattutto sul fronte dell’antiracket, aderendo alle associazioni Addio pizzo e Libero Futuro. Non è mai mancata, nonostante qualche acciacco fisico, a una sola commemorazione del marito in via Alfieri, dove alle 7.30 di ogni 31 agosto, all’ora dell’omicidio, si riuniva con i figli, i cittadini e le autorità.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY