IN EVIDENZA

Mafia: Regione Siciliana assume 13 testimoni di giustizia

“E’ un giorno importante perchè abbiamo assunto i primi 13 testimoni di giustizia. Le altre 35 persone vorrei assumerle, come omaggio, in coincidenza con il prossimo anniversario, a maggio, della morte di Giovanni Falcone, ne ho già parlato con sua sorella Maria”. Lo ha detto il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, incontrando i giornalisti, a Palazzo d’Orlerans, a Palermo, in merito all’assunzione, da parte della Regione, dei testimoni di giustizia. Al suo fianco il presidente dell’Associazione nazionale testimoni di giustizia, Ignazio Cutro’, il segretario generale Patrizia Monterosso, e due testimoni, una donna e un uomo, che si sono presentati con il volto coperto per celare la propria identità. “In Italia – ha aggiunto – non esiste una legislazione, un riconoscimento dello status di vittime per i testimoni di giustizia. E’ un’anomalia del diritto. Avere paragonato sul piano civile i testimoni alle vittime di mafia stabilisce un principio nuovo e sono orgoglioso che siamo i primi in Italia. Le cifre non sono quelle enormi di cui si parla: i testimoni di giustizia sono 48 in Sicilia, 8 in Puglia, 20 in Campania, 20 in Calabria e 14 nelle altre regioni. Non possiamo permettere che un imprenditore denunci la mafia e poi debba scappare. Lo Stato deve intervenire, anche il Parlamento italiano deve adottare misure simili, quelle attuali sono insufficienti, si limitano a ristorare il danno subito dalla mafia. Io poi mi sento coinvolto personalmente, non vi nascondo la commozione quando abbiamo firmato il primo contratto”.

“E’ una battaglia che portiamo avanti da anni – ha detto il presidente Crocetta -, per i testimoni questa lotta non finisce mai. E serve anche una legge nazionale che crei una white list delle imprese che hanno denunciato, alle quali devono essere riservati alcuni appalti. Ringrazio il Parlamento regionale che ha votato questa legge, il prefetto per aver avviato l’istruttoria e il viceministro Bubbico. L’elemento che determina l’assunzione non e’ la nascita in Sicilia – ha precisato Crocetta – ma la collaborazione nella lotta al racket. Per assumerli tutti e 48 spenderemo 700 mila euro l’anno. Non sono cifre che sconvolgono un bilancio. La Regione, i Comuni, lo Stato – ha concluso – in questi anni hanno fatto tanti progetti, penso ai Pip di Palermo ma senza voler generalizzare, per il reinserimento sociale degli ex detenuti. Nulla, invece, è stato fatto per i testimoni di giustizia”. “Voglio ringraziare a nome di tutti i testimoni di giustizia d’Italia – ha detto il presidente Cutrò – perchè oggi si è fatta la storia, la mafia ha perso e gli onesti e i testimoni hanno vinto. Oggi si ridà lustro e dignità ai testimoni di giustizia. Siamo orgogliosi di questa iniziativa. Ci sono due tipi di testimoni, quelli che scelgono di andare via e sono costretti a cambiare identità, e quelli che decidono di restare ma spesso, a causa della mancanza di leggi, perdono tutto”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Most Popular

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top