Neo presidente Confindustria, davanti a Mattarella, ricorda attentato di Licata

Redazione

Licata

Neo presidente Confindustria, davanti a Mattarella, ricorda attentato di Licata

di Redazione
Pubblicato il Mag 26, 2016
Neo presidente Confindustria, davanti a Mattarella, ricorda attentato di Licata

“Qualche settimana fa, in Sicilia, e’ stata bruciata una casa. Non una casa qualsiasi. Era quella del sindaco di Licata, Angelo Cambiano. Un giovane sindaco che sta applicando l’ordine della Procura di Agrigento di abbattere le villette che da decenni occupano abusivamento il litorale. Purtroppo non e’ un episodio isolato”. L’ha detto nel suo primo discorso pubblico, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il neo presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia. “Molti rappresentanti delle istituzioni, ogni giorno, toccano con mano il disprezzo per le leggi dello Stato e sono costretti a lottare, spesso da soli, contro la mancanza di qualsiasi senso civico e il rispetto per il bene comune. A loro va la nostra piena solidarieta’. L’illegalita’, prima che nelle aule dei tribunali – ha concluso Boccia -, va punita socialmente. Dobbiamo isolare chi viola il patto sociale, frena il progresso economico e civile del Paese, fa concorrenza sleale, scoraggia l’accumulazione di capitale umano e peggiora la qualita’ delle istituzioni”.


Dal Web


  • Licata

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Licata

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Licata

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Licata

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361