Sciacca, guerra nei cieli nel 1942: recuperato relitto di aereo

Redazione

Sciacca

Sciacca, guerra nei cieli nel 1942: recuperato relitto di aereo

di Redazione
Pubblicato il Feb 16, 2016
Sciacca, guerra nei cieli nel 1942: recuperato relitto di aereo

Il mare di Sciacca ha restituito il relitto dell’aereo ‘Savoia Marchetti’ della II Guerra Mondiale, abbattuto dai caccia inglesi il 14 agosto del 1942. Oggi la presentazione della scoperta effettuata dal team Rebreather Sicilia con il progetto “Ombre dal fondo” da anni impegnato nella ricerca di relitti, in collaborazione alla Soprintendenza del mare, seguendo i racconti dello storico Nicola Virgilio e alcune informazioni ricevute dai pescatori del luogo. Il team, in collaborazione con la Lega Navale di Sciacca, ha organizzato diverse immersioni per la ricerca e la documentazione del relitto. Dopo tante ricerche, a 38 metri di profondita’, grazie alla documentazione fotografica realizzata da Santo Tirnetta il team e’ riuscito a scoprire l’aereo. Il team che ha effettuato l’immersione ha visto la partecipazione di Riccardo Cingillo, organizzatore del progetto “Ombre dal fondo” e documentarista, Santo Tirnetta, fotografo del team e campione italiano di fotografia subacquea, Massimiliano Piccolo, assistente e addetto alla sicurezza delle immersioni, tutti subacquei esperti in immersioni ad alto fondale. Hanno provveduto all’assistenza in superficie, il personale della Lega navale italiana di Sciacca. L’aereo e’ adagiato su un fondale limoso con poca visibilita’ a circa nove miglia da Sciacca con la parte anteriore in direzione verso terra. La parte superiore risulta fortemente danneggiata probabilmente da diverse reti da strascico. Entrando all’interno in mezzo a grovigli di cavi e lenze si intravedono alcuni strumenti e una bombola di ossigeno utilizzata dai piloti. L’ispezione visiva ha rilevato che non sono presenti resti umani e residui bellici. (AGI) Mrg 151651 FEB 16 NNNN


Dal Web


  • Sciacca

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Sciacca

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Sciacca

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Sciacca

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361