Sicilia

Sicilia: Crocetta “pronti mille cantieri e aiuti per i poveri”

di Redazione
Pubblicato il Ago 13, 2016

“Abbiamo risanato il bilancio della Regione e finalmente l’economia e’ tornata a crescere. E’ chiaro che non abbiamo la bacchetta magica e che ci vuole tempo. Ma siamo una delle regioni che e’ migliorata di piu’ ed entro un paio di mesi partiranno mille cantieri in tutti i Comuni siciliani nei quali lavoreranno le piccole e medie imprese. I numeri miglioreranno ancora”. Cosi’ in un’intervista al Giornale di Sicilia, il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. “Al 21 dicembre 2012 – spiega – avevamo un bilancio in rosso di due miliardi, oggi i numeri dicono che abbiamo un attivo di 635 milioni. Questo ce lo chiedevano le stesse imprese, perche’ la Sicilia a rischio default aveva problemi di rating ed era meno attraente sui mercati. Oggi, invece, arrivamo messaggi positivi e investire in Sicilia e’ piu’ conveniente. Ma ci sono altri dati da analizzare. Dal 2007 al 2013 c’e’ stata una perdita di Pil spaventosa a cui si e’ aggiunta la perdita di 150 mila posti di lavoro. E’ evidente che questo dato non puo’ essere recuperato immediatamente. Nessuno ha la bacchetta magica. Ma nel 2014 si e’ fermato il crollo del Pil e anzi abbiamo avuto un’inversione di tendenza. Nel 2015 si e’ registrato un aumento dello 0,4 per cento e abbiamo anche 32 mila posti di lavoro in piu’. Nel 2016 l’andamento e’ in crescita dell’1,5 per cento”. “La crescita – sottolinea il Governatore – deriva anche dal massiccio investimento con i fondi europei, e dobbiamo ricordarci che quando siamo arrivati erano stati spesi solo 12,5 per cento dei fondi e dopo abbiamo avuto una grande accelerazione. Chiaramente c’e’ voluto tempo, il piano della spesa era un libro inattuabile, con mega investimenti previsti ma non fattibili. Siamo intervenuti soprattutto nel settore delle infrastrutture turistiche e il tempo ci ha dato ragione”. “La Sicilia e’ la regione con la crescita maggiore – puntualizza Crocetta -. L’unica regione che ci supera e’ la Basilicata, ma vale quanto una provincia siciliana, non e’ in grado di incidere sull’economia globale. Registriamo dati positivi anche sull’agricoltura e in altri settori grazie a iniziative come Expo, che hanno consentito alle aziende di fare conoscere i propri prodotti e di firmare tantissimi contratti”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361