Storica Akragas, vince 1-0 il derby con il Catania e passa il...

Storica Akragas, vince 1-0 il derby con il Catania e passa il turno in Coppa Italia

632 views
0
SHARE
Il calcio di rigore fallito da Russotto

CALCIO INIZIO AKRAGAS CATANIATutto pronto per il match valido per il primo turno di Coppa Italia che mette di fronte Akragas e Catania, allo Stadio Esseneto di Agrigento in gara unica. Entrambe le formazioni affrontano la partita con le seconde linee, per far rifiatare chi in questa parte di campionato è stato maggiormente impiegato.
Legrottaglie propone un ampio turnover e fa accomodare in panchina i vari Madonia, Di Piazza oltre ai non convocati Savanarola e Almiròn.RIGORE SBAGLIATO CATANIAParte titolare, invece, Leonetti che è squalificato in campionato. Analoga situazione si presenta in casa etnea con un corposo turnover effettuato da Pippo Pancaro che arriva ad Agrigento con numerose defezioni, tra tutte quelle di Calil e Plasmati. Tornano all’Esseneto, da avversari, Tino Parisi e Andrea De Rossi. Panchina per l’altro ex di turno, Desiderio Garufo.
Ecco le formazioni ufficiali:

AKRAGAS:
Vono – Salandria – Lovric – Marino – Capuano – Vicente – Zibert – Mauri – Roghi – Leonetti – Cristaldi

CATANIA:
Liverani – Parisi – Bacchetti – Russo – De Rossi – Bastrini – Di Grazia – Sessa – Barisic – Scarsella – Rossetti.

CALCIO INIZIO AKRAGAS CATANIAPRIMO TEMPO.
E’ appena cominciato il match tra Akragas e Catania. In un Esseneto quasi vuoto si affrontano le due squadre per il passaggio al secondo turno di Coppa Italia. Prima del calcio di inizio scambio di abbracci tra i due tecnici, Legrottaglie e Pancaro, e tra i tanti ex come Capuano, Parisi e De Rossi, quest’ultimo applaudito dai suoi ex tifosi. Legrottaglie effettua , come annunciato , uno scontato turnover per dare anche la chance a chi ha giocato di meno finora. Nonostante questa scelta, il mister conferma 3/4 della difesa titolare, spostando però Capuano sulla linea dei terzini, arretrando Salandria e confermando Marino al centro della difesa. Novità, nel reparto difensivo, è Lovric, classe 1996 in prestito proprio dal Catania, che fa il suo esordio assoluto in maglia biancazzurra. La partita è piacevole, combattuta a centrocampo e, come da previsione, gli spazi sono ampi. Le squadre si affrontano a viso aperto e, in queste prime battute, sono frequenti i rovesciamenti di campo. Il Catania sembra avere un atteggiamento più attendista rispetto ai padroni di casa che hanno la loro prima occasione, al 17°, sui piedi di Leonetti che ci prova da fuori area con un destro controllato però da Liverani facilmente. Ancora Akragas che si fa viva dalle parti dell’estremo difensore con Cristaldi. Finora una bella partita, con l’Akragas che appare pimpante rispetto alle ultime uscite. Padroni di casa vicini alla rete del vantaggio, ancora con Cristaldi: percussione sul lato sinistro, ingresso in area e tiro che finisce sull’esterno della rete. Adesso la partita si accende ed è l’Akragas ad andare vicinissima al vantaggio con un pallonetto che supera l’estremo difensore ma è abilissimo l’ex, Andrea De Rossi, che salva sulla linea mandando in calcio d’angolo. Ultimi minuti prima della conclusione della prima frazione. L’Akragas può sfruttare una buona occasione grazie ad un ingenuo fallo di Tino Parisi su Mauri: punizione dal limite per i padroni di casa che però sciupano con Vicente che calcia alto sopra la traversa. Finisce il primo tempo tra Akragas e Catania dopo tre minuti di recupero concessi dal direttore di gara. Una prima frazione piacevole, con l’Akragas che ha fatto la partita e più volte è andata vicino al vantaggio. Sicuramente un passo avanti rispetto alle ultime uscite per i ragazzi di Legrottaglie. Il turnover sta dando la possibilità a molti elementi della rosa di mettersi in mostra e, all’Esseneto, molti “ricambi” stanno ben figurando , fra tutti il classe 1996 Lovric e il giovane attaccante, classe 1994, Cristaldi.

INGRESSO IN CAMPO AKRAGAS CATANIASECONDO TEMPO.
E’ il Catania ad effettuare il primo cambio del match con Pippo Pancaro che decide di togliere Sessa e mandare in campo Rossetti. Legrottaglie, invece, conferma l’undici che ha iniziato la partita. L’Akragas passa in vantaggio con uno straordinario gol di Leonetti che, servito appena dentro l’area di rigore, trafigge con un tiro a giro che si insacca all’incrocio dei pali e batte Liverani: Akragas – Catania 1-0 al 55°. Pancaro vuole fare una scossa alla sua squadra ed effettua il secondo cambio della partita: fuori Bastrini dentro Ferrario. Nonostante i cambi, è sempre l’Akragas a spingere forte sull’acceleratore. In questo secondo tempo sta salendo in cattedra Urban Zibert che , dopo aver messo a segno l’assist decisivo per Leonetti, sta prendendo per mano la sua squadra. La partita è entrata in una fase di estremo equilibrio dove il Catania ha alzato il baricentro e aumentato il possesso palla ma l’Akragas si difende in maniera ordinata. Legrottaglie, intanto, si prepara al primo cambio: entra Matteo Fiore ed esce Cristaldi, autore di una bella partita. Il Catania ha una buona possibilità con un calcio di punizione dal limite: sulla palla si presenta Russotto che però spara sulla barriera. Scintille in campo, al minuto 26°, tra Capuano e Calderini che rimediano il cartellino giallo. La partita,adesso, sembra essere più nervosa con molte interruzioni per falli. Secondo cambio, a 15 minuti dal termine del match, per l’Akragas: fuori uno straordinario Lovric, forse il migliore in campo, e dentro Aloi. Con questa sostituzione è Capuano a tornare al centro della difesa. Da un errore di comprensione tra Marino e Vono scaturisce il calcio di rigore per il Catania: sul dischetto si presenta Russotto che però si fa ipnotizzare da uno straordinario Vono che respinge. Si rimane sull’1-0 a 12 minuti dal termine. Adesso il Catania spinge forte e schiaccia l’Akragas nella propria metà campo. I padroni di casa sono costretti a difendersi e a ripartire in contropiede. Infuocati i minuti finali all’Esseneto con il Catania che non ci sta ad uscire al primo turno di Coppa Italia. Terzo ed ultimo cambio per Legrottaglie che sostituisce Roghi con l’attaccante agrigentino della primavera classe 1998, Alfano. Ultimi minuti di partita con l’Akragas che si oppone con tutte le forze alle avanzate etnee. Il Catania va vicinissimo alla rete del pareggio, proprio al 90esimo, con Barisic che prova un pallonetto ai danni di Vono: la traiettoria è lunga e il tiro finisce di poco sopra la traversa L’arbitro assegna 4 minuti di recupero. Bacchetti, terzino etneo, prova un tiro dal limite che finisce di poco a lato. Continua ad attaccare in cerca del pareggio il Catania . Ingenuità clamorosa di Liverani, estrempo difensore del Catania, che rinvia fuori dalla propria area di rigore concedendo una pericolosa punizione dal limite all’Akragas che si conclude con un nulla di fatto. L’arbitro decreta la fine della partita. L’Akragas fa suo il derby contro il Catania vincendo di misura e sfatando anche il tabù Esseneto. La squadra di Legrottaglie avanza al secondo turno dove incontrerà, sempre all’Esseneto, il Catanzaro. Finisce anzitempo l’avventura del Catania di Pancaro in Coppa Italia,eliminata al primo turno. Questa è anche la prima vittoria nella storia dell’Akragas sul Catania.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *