Trenitalia, Musumeci: “I siciliani hanno diritto ad un servizio ferroviario come le altre Regioni”

Irene Milisenda

Palermo

Trenitalia, Musumeci: “I siciliani hanno diritto ad un servizio ferroviario come le altre Regioni”

Pubblicato il Gen 11, 2018
Trenitalia, Musumeci: “I siciliani hanno diritto ad un servizio ferroviario come le altre Regioni”

Il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, ha indotto una riunione a Palermo con i rappresentati delle associazioni dei consumatori e degli utenti più rappresentative nell’isola, per parlare della firma del nuovo contratto decennale con Trenitalia per un valore di 1,2 miliardi di euro, affinchè si possa migliorare il servizio ferroviario in Sicilia e  vengano messe in atto tutte le richieste e i suggerimenti da parte dei pendolari che ogni giorno utilizzano il mezzo in Sicilia.

Alla riunione con Musumeci erano presenti l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, i dirigenti del Dipartimento regionale, Fulvio Bellomo e Carmen Madonia, con Manfredi Zammataro (Centro per i diritti del cittadino), Carmelo Calì (Confconsumatori), Giosuè Malaponti e Loredana Vecchio (Comitato pendolari siciliani).

«I siciliani – ha premesso il presidente Musumeci – hanno il diritto di avere la stessa qualità del servizio che Trenitalia offre, da tempo, alle altre Regioni. Il contratto dovrà avere tutti i requisiti che richiedono i consumatori. In questa logica vogliamo consolidare il rapporto tra la Regione e le associazioni più rappresentative degli utenti. Negli ultimi anni ho viaggiato spesso in treno, per cui ho una serena consapevolezza del dramma dei pendolari, in particolare per ciò che concerne la qualità delle carrozze. Non consentiremo più disfunzioni e nel caso in cui non vengano rispettate le condizioni previste si procederà con l’applicazione di pesanti penali».

 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04