Troppi sbarchi fantasma nell’agrigentino: protesta dell’on. Pagano (ft e vd)

Irene Milisenda

Agrigento

Troppi sbarchi fantasma nell’agrigentino: protesta dell’on. Pagano (ft e vd)

Pubblicato il Set 30, 2017
Troppi sbarchi fantasma nell’agrigentino: protesta dell’on. Pagano (ft e vd)

Proseguono gli sbarchi fantasma lungo le coste agrigentine.

Gli ultimi sbarchi, in ordine di tempo, risalgono a ieri pomeriggio sulla costa agrigentina a Siculiana fra Torre Salsa e la spiaggia sotto monte Stella; due pescherecci di circa 7 metri sono riusciti ad arrivare fino all’arenile.

Ne hanno contati circa cinquemila di questi «nuovi» migranti, 2.100 sulle coste dell’Agrigentino, 2.800 su quelle dell’isola di Lampedusa.
E di fronte a questa situazione allarmante la lega-Noi con Salvini, ha deciso di organizzare una manifestazione di protesta contro gli sbarchi fantasmi.
Presente l’onorevole Alessandro Pagano, segretario regionale della Sicilia occidentale della Lega-Noi con Salvini, che ha partecipato questa mattina alla manifestazione di protesta organizzata dalla Lega alla Scala dei Turchi a Realmonte, in provincia di Agrigento,che ha detto: “La situazione è sempre più allarmante. Nell’ultimo mese abbiamo assistito a centinaia di arrivi di migranti ‘invisibili’, a Linosa, a Lampedusa e fino alle coste agrigentine, per la maggior parte sfuggita a qualsiasi tipo di controllo. Di fronte a questa inquietante escalation, che denota un chiaro cambio di strategia da parte della holding internazionale dello ‘schiavismo clandestino’, il nostro governo non sa fare altro che cincischiare”.

L’on. Pagano intervistato

Pagano continua: “La Sicilia sta diventando il carcere a cielo aperto della Tunisia, con la copertura del governo Renzi-Gentiloni e nel totale silenzio, se non complicità, del Pd regionale. Tutto ciò è inaccettabile. Questa zona è teatro negli ultimi mesi degli ormai famigerati ‘sbarchi fantasma’ di tunisini clandestini ed ex galeotti”.
Per il deputato della Lega, “il governo Gentiloni sta irresponsabilmente sottovalutando questo grosso e pericoloso problema che rappresenta una nuova minaccia per tutto il Paese. Questi ex galeotti non sono profughi, non scappano da alcuna guerra. Vanno subito rimpatriati, ma soprattutto non dovrebbero neppure partire dalla Tunisia. Per questo – conclude – il presidente Gentiloni deve convocare quanto prima il nostro ambasciatore a Tunisi o chiedere direttamente spiegazioni ufficiali al governo tunisino”.


Dal Web


  • Agrigento

    M5S, l’esclusione Dalli Cardillo: “Fuori per il caso La Gaipa, sono stato tradito”

    Pubblicato il 21 01 2018

    Erano tre le preferenze che ciascun iscritto poteva esprimere nei confronti di un candidato. Un sistema sicuramente innovativo nel panorama democratico italiano che - però - ha presentato anche alcune problematiche “tecniche”: soprattutto nelle prime ore di mercoledì - primo giorno di votazion..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Porto Empedocle, secondo giorno di sciopero degli operatori ecologici

    Pubblicato il 21 01 2018

    Niente raccolta dei rifiuti a Porto Empedocle per il secondo giorno di fila: non c’è stata la fumata bianca dopo l’incontro - avvenuto nella mattinata di ieri - tra il primo cittadino Ida Carmina e i lavoratori che protestano per il ritardo nel pagamento degli stipendi. Secondo giorno di sciope..

    Continua a Leggere

  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361