Agrigento

Vaccini sì, vaccini no? Il decreto in esame al Senato

Dopo l’approvazione della Commissione Igiene e Sanità del Senato, il decreto sui vaccini arriva a Palazzo Madama dove si allontana la possibilità, prevista inizialmente, che il testo passi con la fiducia. Concluso il passaggio al Senato, il 24 giugno il decreto approderà alla Camera, dove i deputati dovranno convertire il decreto in legge entro il 6 agosto.

La principale modifica dal testo del decreto, dopo il passaggio in Commissione, riguarda la riduzione delle vaccinazioni obbligatorie, passate da 12 a 10: polio, difterite, tetano, epatite B, pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, parotite, rosolia e varicella, senza le quali i bambini fino ai sei anni non potranno essere iscritti al nido e alla scuola materna. A queste, poi, se ne aggiungono altre quattro consigliate ma non obbligatorie, e si tratta di quelle contro il meningococco B e C, contro il pneumococco e il rotavirus, che saranno offerte gratuitamente e proposte attivamente alle famiglie da parte delle Aziende sanitarie. Inoltre, le vaccinazioni saranno richieste anche per operatori sanitari, sociosanitari e scolastici.
Tra le novità arriva anche l’ok alla riduzione delle sanzioni, per i genitori che non vaccinano i figli, da 7.500 euro a 3.500 euro. Poi, tra gli emendamenti che hanno ottenuto il plauso della Commissione Sanità, l’istituzione dell’Anagrafe Vaccinale Nazionale, che registrerà la situazione vaccinale in Italia. E si sta discutendo in aula anche su un emendamento che prevede la vaccinazione obbligatoria anche per i minori stranieri non accompagnati.
E se da un lato i vaccini vengono considerati una delle più importanti scoperte del millennio perché hanno salvato milioni di vite, dall’altro lato esiste un movimento di genitori e attivisti, i cosiddetti No Vax, che si schierano contro le vaccinazioni preventive.
Dunque, vaccini sì, vaccini no? L’abbiamo chiesto al dottor Gaetano Geraci, Direttore del servizio di Epidemiologia all’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento che ha affermato:

“Certamente vaccini si. E’ importante effettuare la vaccinazione perché attraverso il vaccino si fa in modo che la malattia non si verifichi. D’altro canto però le notizie false date dagli attivisti contro i vaccini, tipo che il morbillo causa l’autismo, o che nel vaccino è contenuto il mercurio, hanno fatto sì che ci fosse una diminuzione delle vaccinazioni soprattutto in pediatria. Ecco perché da parte del Ministero della Sanità c’è stato l’aumento dell’ obbligatorietà dei vaccini, da 4 a 10”. “Quindi è importante – ha concluso il dott. Geraci – che ci sia la volontà e la consapevolezza a vaccinare e a vaccinarsi, ed è compito nostro dare le giuste istruzioni d’uso”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top